Carrello
0
Non hai articoli nel carrello.

Quando finalmente quel brufolo rosso e gonfio si è asciugato ecco che lascia un fastidioso promemoria: una macchia rossa o brunastra. Che non sembra poter essere eliminata in alcun modo. Ti suona familiare? 

Ora esamineremo come le macchie della pelle siano una conseguenza delle impurità, in che modo si differenziano l'una dall'altra e, soprattutto, come fare per liberarsene o, addirittura, per impedire che si formino.

PERCHÉ SI FORMANO LE MACCHIE POST ACNE E COME RICONOSCERLE?

Nonostante possa sembrare che tu abbia a che fare sempre con lo stesso tipo di macchia, in realtà esistono due tipi di macchie che possono comparire sul viso dopo l'acne: l'eritema post-infiammatorio (PIE) e l'iperpigmentazione post-infiammatoria (PIH).

Tutte le impurità (così come anche le punture di insetti, i taglietti, le eruzioni cutanee) sono in realtà un'infiammazione della pelle. Lo si riconosce dalla superficie gonfia e dal rossore della pelle che accompagna acne, brufoli o pori ostruiti. Questo è il modo in cui il nostro corpo combatte infezioni, batteri e virus.

Però anche quando il brufolo si asciuga, scompare o viene accuratamente estratto non tutti i segni di infiammazione scompaiono insieme a lui. Ciò che resta è un eritema post-infiammatorio ovvero un arrossamento, che è un chiaro segno che il nostro corpo sta ancora lavorando intensamente sulla guarigione della ferita lasciata dal brufolo. Lo fa inviando verso la lesione più cellule del sangue per accelerarne la guarigione ed è questo rende la pelle rosa o rossa. Un arrossamento che è particolarmente evidente sulle carnagioni più chiare.

Il rossore post-infiammatorio può essere peggiorato se si schiacciano i brufoli in maniera aggressiva, se ci si gratta o si stuzzica la ferita o se si utilizzano scrub aggressivi. Tutto ciò prolunga la guarigione della pelle e incoraggia la sua risposta naturale a inviare ancora più cellule del sangue verso la lesione. Il risultato è un rossore ancora più intenso e persistente. A volte le macchie rosse possono durare da tre mesi a un anno. Trattare in maniera aggressiva la pelle può stimolare anche la comparsa di un altro tipo di imperfezione da acne ovvero l'iperpigmentazione post-infiammatoria.

Il nostro corpo risponde all'infiammazione della pelle anche aumentando la produzione di melanina, un protettore naturale della pelle. Ovunque rilevi danni inizia a inviare grandi dosi di melanina, che si trasforma in una macchia rosso scuro, marrone o persino viola. Ed ecco quindi l'iperpigmentazione post-infiammatoria.

Si verifica più comunemente nelle carnagioni medio-scure. L'insorgere di altra acne è collegato all'infiammazione. Più sono profondi gli strati cutanei coinvolti e maggiore è l'infiammazione, più scure saranno le macchie. Ecco perché l'acne cistica lascia chiazze molto scure e persistenti, mentre i brufoli superficiali scompaiono senza lasciare troppe tracce.

Dal momento che l'iperpigmentazione post-infiammatoria si tratta di una macchia dovuta all'aumento della produzione di melanina, l'esposizione al sole può aggravare ulteriormente il colore di questa macchia e impedire che sbiadisca. Per questo è fondamentale utilizzare una protezione solare efficace ogni giorno proprio per prevenire le macchie. Altri trattamenti che raccomandiamo per gestire entrambi i tipi di macchie di acne saranno discussi di seguito.

Prima di decidere come intervenire controlla quindi sempre con che tipo di macchia hai a che fare.

 

LE TUE MACCHE POST ACNE SONO ROSSE, BRUNE O TUTTE E DUE?

Dal momento che tipologie diverse di imperfezioni richiedono trattamenti diversi è importante capire innanzitutto se si tratta di arrossamenti post-infiammatori oppure di iperpigmentazione post-infiammatoria.

Il modo più semplice per riconoscere la differenza è pulire il viso, asciugarlo delicatamente e posizionarsi davanti a uno specchio ben illuminato. Quindi, usando la punta del dito, si preme l'area della macchia. Se, dopo aver premuto e spostato il dito, l'area si schiarisce e il rossore scompare, si tratta di un rossore post-infiammatorio. Premendo si impedisce il flusso sanguigno, quindi il rossore scompare per un breve momento.

Se la pressione delle dita non cambia l'aspetto delle imperfezioni della pelle si tratta allora di pigmentazione dovuta a livelli alti di melanina.

Per entrambi i tipi di pigmentazione troverai qui di seguito quali sono gli ingredienti e i prodotti anti-macchia più adatti e consigliati. 

COSA FUNZIONA CONTRO LE MACCHIE ROSSE?

Per prima cosa assicurati di evitare di causare altre irritazioni cutanee. Maneggia delicatamente la pelle e mantieni una sana barriera cutanea. Non spremere i brufoli e non usare scrub aggressivi o scrub fisici. Tutto ciò può portare a un'ulteriore infiammazione della pelle e a più arrossamenti.

Assicurati una protezione solare efficace e quotidiana. Quando la pelle infiammata e irritata è esposta a dannosi raggi UV cerca di proteggersi con una maggiore produzione di melanina, che porta, come abbiamo visto, a formare macchie brune. E questa conseguenza sarà ancora più evidente nelle carnagioni più scure.

Per eliminare le macchie rosa, rosse o viola dovute all'acne scegli prodotti che contengono i seguenti ingredienti: vitamina Cretinoidiacidi AHAniacinamide (che è anche antinfiammatoria).

TI CONSIGLIAMO I SEGUENTI PRODOTTI

Paula’s Choice
60,00 €
Paula’s Choice
60,00 €
 

COSA FUNZIONA CONTRO LE MACCHIE BRUNE?

Come spiegato in precedenza, le macchie marroni sulla pelle sono causate da maggiori livelli di melanina che si accumula sulla superficie della pelle mentre il corpo cerca di proteggersi dalle influenze esterne dannose. E questo include anche i raggi UV, quindi il primo e più importante passo nella lotta contro le macchie brune è l'uso quotidiano di una crema solare con un fattore di protezione da 30 o maggiore.

Per combatterle includi anche prodotti con i seguenti ingredienti nella tua skincare routine (la combinazione di diversi ingredienti è spesso più efficace dell'utilizzarne solo uno): acidi AHA, arbutina, acido azelaico, niacinamide, retinoidi, vitamina C, acido cogico, estratto di liquirizia ed estratto di gelso.

Per maggiori informazioni ti consigliamo anche il nostro articolo sulle macchie da pigmento

NOVITÀ E OFFERTE VIP

Iscriviti alla newsletter. Niente paura, riceverai le nostre notizie
solo quando avremo qualcosa di interessante.
w